Fiera dei Librai

Libreria Alessia

“Vengo da un’esperienza di quindici anni in diverse biblioteche della Val Seriana: la libreria è nata nel dicembre 2009 dal desiderio di poter aprire una realtà che rispecchiasse la mia vocazione di libraio. Ho sentito l’esigenza di iniziare un percorso mio”, racconta Roberto Squinzi, titolare della Libreria Alessia (che porta il nome di sua moglie).
In poco tempo la libreria diventa un punto di riferimento per tutta la valle per quanto riguarda l’acquisto di libri scolastici usati. Poi, nel 2012, “Dopo l’ennesima brutta vendita, cioè vendita di un brutto libro (di narrativa), circa quattro anni fa abbiamo deciso di specializzarci in letteratura per l’infanzia”. L’idea è chiara: per migliorare la qualità delle letture bisogna costruire nuovi lettori, più consapevoli. La difficoltà nel relazionarsi con i bambini, come recita una bellissima poesia di Janusz Korczac appesa nella libreria, non è nel “mettersi al loro livello, abbassarsi, inchinarsi, curvarsi, farsi piccoli”, ma nell’“innalzarsi fino all’altezza dei loro sentimenti”.


"La libreria è nata nel dicembre 2009 dal desiderio di poter aprire una realtà che rispecchiasse la mia vocazione di libraio."

"Dopo aver partecipato per la prima volta, nel 2012, alla Fiera dei Librai (“Con loro c’è stata un’immediata empatia: abbiamo gli stessi valori”) Roberto, Alessia e altre persone hanno fondato anche una Onlus, La Vallata dei Libri Bambini, che dal 2014 è il principale organizzatore e promotore dell’omonimo festival: “I genitori potranno entrare solo se accompagnati da un bambino”, è scritto sul programma dell’edizione appena conclusa.

La passione e la sensibilità di Roberto, che sceglie i libri uno ad uno (“Ne leggo sempre cinque o sei alla volta”), sono il segno distintivo della libreria: “Ci sono persone che vengono da molto lontano perché sanno che qui trovano libri di qualità. Alcuni clienti si fanno persino il passo della Presolana, andata e ritorno, perché hanno capito che la letteratura è un po’ come il cibo, e vogliono che i loro figli siano nutriti bene. Il lavoro del libraio consiste nel fare ricerca continua per saper dare i consigli migliori”.


"I libri per dislessici sono semplicemente libri accessibili a tutti, perché scritti con caratteri un po’ più grandi e ad alta leggibilità."

La ricerca però non si limita alla scelta dei libri: “Una signora di Vertova un giorno è venuta da noi e ci ha detto che era stata a Bergamo a cercare dei libri per sua nipote, una bambina dislessica, ma anche lì non aveva trovato nulla e le avevano consigliato di provare a Milano. Questa storia mi ha fatto riflettere: mi son chiesto perché una persona con dei bisogni specifici deve andare così lontano, quando il nostro compito è proprio quello di interpretare i bisogni del territorio”. Così la libreria, unica nella provincia di Bergamo, apre una sezione dedicata esclusivamente ai libri per dislessici. “Che poi sono semplicemente libri accessibili a tutti, perché scritti con caratteri un po’ più grandi e ad alta leggibilità”. Roberto mostra un libro di questo tipo: “L’ha scritto Fonzie, cioè l’attore Henry Winkler, che è dislessico e ha ideato una collana che ha come protagonista un bambino di nove anni affetto da questo disturbo”.

Nella libreria è anche presente una HIT STATION 100’s, una specie di jukebox letterario che permette di scegliere e ascoltare cento audiolibri prima di acquistarli. “Le case editrici che li producono sono poche, ma alcune di qualità molto alta. Non sono dedicati solo alle persone con problemi di vista –ad esempio gli anziani. Conosciamo diversi clienti a cui piace sentire un libro mentre guidano”.


Nella libreria è presente una HIT STATION 100’s, una specie di jukebox letterario che permette di scegliere e ascoltare cento audiolibri prima di acquistarli.

P.S. Non fatevi ingannare da Google Maps: la Libreria Alessia non si trova a Gazzaniga, ma a Fiorano al Serio, un paio di chilometri più avanti.

  • #storielibere/
  • Libreria Alessia